Lo stile dell’uomo basso: smontiamo i luoghi comuni

Il guardaroba dell’ uomo basso: smontiamo i luoghi comuni!

Te l’ hanno già fatta la battuta del “metro e tanta voglia di crescere”?
Aspetta, aspetta… e quella che quando compri i vestiti vai al reparto bambino?
Sì, vero?
E come reagisci?
Ah, resti in silenzio e in imbarazzo perché fondamentalmente è vero: sei basso.

Quindi hai questo peccato originale che caratterizzerà la tua intera vita…
Bravissimo! Hai tutto ciò che ti serve per essere lo zimbello degli altri!

Stammi bene a sentire: tu adesso verrai con me e ti mostrerò come dettare legge con il tuo guardaroba da spilungone albino(l’ hai capita?)

Abbatti le tue barriere mentali!

Prima di catapultarci nel mondo dello stile, sappi che la questione è mentale ancor prima che estetica.


Non intendo dire che basti pensare di esser alti per esserlo davvero, ci mancherebbe. Ciò che intendo è che il tris poca altezza/poca bellezza/poco stile è interamente nella tua testa, e soltanto lì!


La maggior parte delle nostre barriere mentali viene creata da noi stessi ed è accentuata dai canoni standard di bellezza che ci impone la società.


Ti prometto che nel mondo migliore che tutti noi dobbiamo contribuire a costruire, queste sciocchezze non ci saranno più.

Bene, dicevi che non sai mai cosa indossare perché sei basso e quindi ti senti esteticamente inadeguato.
E da che altezza pensi che uno possa essere indicato come persona di stile? Un metro e ottanta? Un metro e novanta? Due metri?
Non lo sai?

Ti do una notizia: a prescindere dalla statura, valorizzare il fisico con l’abbigliamento è possibile!
Basta solo qualche tip, adesso vedrai.

Quale taglia comprare?


-Che tu sia basso o alto, scegliere una taglia che ben si adatti al tuo fisico è fondamentale. Spesso mi capita di vedere indossati pantaloni oversize strozzati da improbabili cinture oppure esageratamente attillati che tendono a strapparsi ogniqualvolta ci si china a raccogliere qualcosa.

Ricorda che la regola ferrea da osservare perennemente è che bisogna star comodi e osservare l’ aurea mediocritas di Orazio: ci vuole la giusta misura(in senso letterale proprio)!

Luoghi comuni da smantellare

E’ arrivato il momento di farlo: dobbiamo smantellare tutte le congetture e le credenze che si hanno in fatto di moda quando si parla di persona di bassa statura. Si parte!

“Ovviamente evita le giacche doppiopetto”

-Ma anche no!
La giacca doppiopetto costituisce uno dei capi più chic che tu possa avere nel tuo guardaroba e può addirittura diventare un tuo marchio di fabbrica.


Occorre fare però le giuste osservazioni. Tenere la giacca abbottonata, a seconda del modello, quello sì che potrebbe intaccare un po’ il flow dell’ outfit, per cui potresti ovviare semplicemente scegliendo un modello che ben si adatti al tuo corpo come ad esempio una giacca i cui bottoni stiano un po’ più in basso e tengano il torace un po’ più scoperto.


Un’ ulteriore opzione, che tra l’ altro adoro, potrebbe essere indossarla sbottonata e con una bella t-shirt a tinta unita possibilmente senza stampe oppure a righe.

Sì, lo ripeto: a righe! Quelle che ti fanno sembrare ancora più basso o grasso a seconda della tua corporatura.

Non stare ad ascoltare certe demenzialità e ricorda che you don’t give a f..k!

“Evita le linee orizzontali”

-Di nuovo?!!

“Evita la t-shirt dentro i pantaloni, altrimenti poi i fianchi…”

-Ma i fianchi cosa?! Indossare una maglietta in maniera un po’ più morbida calibrando bene l’ altezza dei pantaloni restituisce un bellissimo effetto a prescindere da quanto tu sia alto.

E poi personalmente mi fanno impazzire abbinamenti del tipo pantaloni regular fit, sneakers e t-shirt nei pantaloni.

“Evita eccessivi contrasti cromatici


-Personalmente non sono d’ accordo perché a prescindere dal fatto che tu sia un marcantonio o un messicano(eh?!),saper abbinare i colori è un’ arte, richiede un gusto che non tutti hanno.


Vedere un paio di chinos blu elettrico sotto una camicia di un giallo intenso ha assolutamente il suo perché, fidati.

“Scolli a V troppo profondi ti abbassano ulteriormente”

-Non ci siamo. Lo scollo a V troppo accentuato non è bello/brutto in base alla statura, è semplicemente tamarro a prescindere!

Adoro questo tipo di t-shirt e rappresentano un capo imprescindibile del mio guardaroba e non esiste alcun motivo al mondo perché un ragazzo, un giovanotto, un uomo debba privarsene.

“Guai a proporre accostamenti tra colori contrastanti”

-Ed infatti sono tra quelli che preferisco. Come si fa ad evitare di indossare dei chinos neri con tshirt bianca? Oppure l’ esatto contrario? Da sempre costituiscono dei capisaldi della moda e ti posso assicurare che ancora una volta l’ altezza non c’ entra niente.

”No a giacche o cappotti troppo lunghi


-Qui sono d’ accordo ma al 73,4%(what?). Per farti un esempio a me piacciono molto i cappotti purché abbiano un taglio che arrivi al massimo al ginocchio, ma semplicemente perché non amo l’ effetto tunica che sarebbe visibile sia su uno spilungone quanto su uno bassino.

“Evita il pattern scozzese


-Era dai tempi della signora Minù che non ascoltavo discorsi del genere, wow!
Saranno passati trent’ anni da quando l’ amabile signora si rimpiccioliva per via di un oggetto, ma abbiate pazienza: per me rinunciare ad un abito o semplicemente a un blazer in stile scozzese è praticamente impossibile, non scherziamo.


Ne esistono talmente tante tipologie e abbinamenti cromatici differenti che ti offrono la possibilità di creare davvero centinaia di outfit, l’ uno più bello dell’ altro.

E francamente rinunciare all’ eleganza soltanto perché, a detta di qualcuno, potrei perdere qualche centimetro in altezza mi fa semplicemente sorridere.

“Indossa scarpe rialzanti

-Ma sì: già che ci siamo perchè non un bel tacco 12?
Scusa ma a cosa serve guadagnare qualche centimetro mettendo dei veri e propri tacchi sotto le scarpe(o all’ interno) oppure delle suole più spesse.
Ma perchè?


Le scarpe, come un po’ tutti i componenti del tuo outfit devono essere di gusto e devono sposarsi bene con tutto il resto. Punto.

“Accessori: no ad orologi dal quadrante largo e al fazzoletto nel taschino”


-Già so dove si vuole andare a parare, ovvero che si sposterebbe troppo l’ attenzione sul tronco e bla bla bla…

Anche questi discorsi non hanno senso, perchè se l’ orologio si sposa perfettamente con ciò indosso non vedo assolutamente dove sia il problema.

Metti che un giorno opti per una mise sportiva con dei bei pantaloni comodi, un cardigan ed una t-shirt e ci sta da dio un bell’ orologio dal quadrante ampio, quindi?
Sei basso, meglio evitare? Ma neanche per sogno!


Non è finita qui: un altro giorno sei tutto in ghingheri con un bel doppiopetto (quello che dovresti evitare, esatto) beige e ci sta bene un fazzoletto da taschino di una tonalità glicine a pois bianchi o viceversa. Che faccio? Rinuncio all’ outfit? Dai su!

“Evita il papillon”


-Qui sono d’ accordo, ma per un mio limite: non amo particolarmente i papillon.


Non importa che tu sia basso o meno, posso tranquillamente dirti che abbinare delle fantastiche cravatte in seta o in maglia al giusto outfit, rende il tutto molto più stiloso ed elegante.


Giusto per evitare orrori, ti ricordo la regola ancestrale che l’ umanità si tramanda sin dalla notte dei tempi: mai indossare quelle larghe!

L’ indiziato numero uno…

Dulcis in fundo, ho lasciato l’ indiziato numero uno alla fine: i pantaloni.

Adesso stai attento perché dovremo smontare tutti i luoghi comuni che lo riguardano. E sono tanti.

“Non fare i risvolti ai pantaloni, siamo all’ ABC”


-E allora voglio essere l’ analfabeta numero uno! Voglio che tutti dicano che mi mancano proprio le basi, ok?


I risvolti ai pantaloni li trovo esteticamente piacevoli in base al fitting del capo stesso e non basandomi sull’ altezza di chi li indossa.

Dei jeans regular fit con risvolti, sneakers simpatiche e una t-shirt tinta unita(magari bianca) rappresentano o no un bel modo di esprimere il proprio stile?

Oppure, per chi ama i modelli skinny, dei jeans grigi con risvolti, scarpe monk marroni e una camicia metà a tinta unita sulla parte inferiore e metà a righe verticali su quella superiore, tenuta metà dentro e metà fuori può costituire una bella scelta di stile sì o no?


Ti pare di esserti posto il problema dell’ altezza? Se la risposta è no, stai realizzando ciò che magari in cuor tuo sapevi già.

”Sii furbo: indossa pantaloni a vita alta che danno slancio alla silhouette”.

-Non è una questione di silhouette.
Già di mio preferisco pantaloni a vita alta o comunque sicuramente non a vita bassa, non li trovo affini alla mia idea di stile ed in generale non mi piace come calzano sui corpi maschili.
Per le ragazze li trovo apprezzabili.

“Evita il cavallo basso”


-Ma che stai dice…ah no, qui sono d’ accordo.
Stavolta lo sono perché il mio dress code assolutamente non li prevede, ma ancora una volta non faccio questo tipo di ragionamento perché io sia basso o meno.

Ognuno di noi decide di strutturare il proprio guardaroba nella maniera che più lo rispecchia.

“Con shorts e pantaloncini faresti ridere”


-La frase è incompleta, per essere onesti occorrerebbe dire: “Con shorts e pantaloncini faresti ridere se fossero cortissimi come quelli di una ragazza”.

E’ importante precisarlo perché sempre in ottica di senso della misura, lo vedi ad occhio nudo che se ne indossassi di troppo corti qualcosa stonerebbe. Alto o basso che tu sia.

Per come la vedo io indossare degli shorts della giusta lunghezza, abbinati ad un panciotto e t-shirt oppure ad una camicia manica lunga, ti da un tocco fresh e ti fa stare sempre sul pezzo.

Conclusioni

Che faticaccia, siamo in chiusura dai!

Come vedi, gran parte delle credenze non hanno nessun tipo di fondamento e la regola resta sempre la stessa: se hai stile, che tu sia alto o che sia basso, ce l’ hai.

L’ unica cosa che davvero causa problemi quando è bassa è la creatività, quella sì.


Come faccio ad essere così sicuro di ciò che affermo?


Innanzitutto mi occupo di stile da quando avevo quattordici anni e adesso ne ho quindici(più sedici), ma non è questo che mi rende più o meno autorevole.

La realtà è che sono basso anch’ io!!

L’ Allegro –
aka Francesco Allegretta
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *